Emozioni come paura, ansia, stress e rabbia inibiscono la nostra capacità di concentrazione, riducono l’attenzione e diminuiscono le nostre capacità cognitive. Al contrario, quando ci sentiamo su di giri e contenti, siamo più propensi ad avere un’attenzione inclusiva e rendiamo meglio anche in situazioni complesse.

 

Quando affrontiamo eventi negativi, il nostro cervello fa difficoltà a lavorare. La corteccia prefrontale viene “messa da parte”, così l’amigdala può prendere il controllo e preparare i corpo alla crisi. Quando siamo stressati o spaventati, ad esempio, facciamo fatica a pensare con chiarezza, a coordinarci in modo adeguato con gli altri, a recepire informazioni nuove e ad avere idee. Anche la nostra routine quotidiana ne soffre, perché le emozioni negative hanno la meglio sulla nostra capacità di concentrazione.

 

Incoraggiamento e comunicazione

Il modo in cui i leader utilizzano la positività nel comunicare può avere un impatto enorme sul  benessere emotivo così come sul  rendimento dei dipendenti.

In un esperimento, Goleman, autore di Social Intelligence, ha verificato che il tono emotivo di un leader mentre da una notizia ha un impatto maggiore della notizia stessa. Quando viene dato un feedback negativo con un tono caldo, i dipendenti valutano l’interazione in modo positivo, mentre al contrario, una notizia positiva, come il raggiungimento di un obiettivo, data con tono negativo trasmette una sensazione negativa.

 

In breve, ecco tre consigli per migliorare la positività nel tuo team di lavoro:

1. Ascoltare e mostrare empatia

Mostrare empatia verso i propri dipendenti li aiuta a sviluppare una base stabile sul luogo di lavoro, per potersi sentire a proprio agio anche nell’assumersi qualche rischio. Ciò può garantire una maggiore creatività e una migliore capacità di risoluzione dei problemi.

2. Un capo premuroso è più importante del guadagno

Fare in modo che il proprio team si senta ascoltato e compreso può migliorare la saluto sia fisica che mentale.

 3. L’intesa tra le persone deve essere prioritaria

Specialmente nei gruppi di lavoro più grandi, assicurarsi che vi sia una buona intesa tra i membri del team può davvero fare la differenza per l’intera cultura aziendale.

Per approfondire meglio l’argomento, scarica gratuitamente il nostro white paper “Neuroscienze e gestione aziendale”.