Alternare le sedute prolungate con dei momenti in posizione eretta migliora la salute

Articolo di Sara Tatti

 

I benefici dell’attività fisica sono molteplici e ormai ben noti a tutti. Sappiamo però che fare esercizio è una sfida per molte persone e che, anche quelle che seguono un programma di allenamento, talvolta non hanno né la voglia né l’energia di andare in palestra o di fare sport.

Per fortuna c’è un‘alternativa, che non è così vantaggiosa come l’attività fisica, ma che è meno impegnativa e porta con sé alcuni dei suoi benefici. Stiamo parlando della riduzione del comportamento sedentario attraverso una breve camminata o attraverso l’assunzione di una posizione eretta anziché seduta.

L’evoluzione ci insegna, tuttavia, che bisogna adottare delle strategie di minimizzazione energetica e che quindi è giusto anche trascorrere il tempo a riposo su una sedia, su un divano o su una poltrona. Ma ancora una volta, periodi prolungati di inattività aumentano il rischio di malattie cardiovascolari e di mortalità.

 

Effetti benefici della posizione eretta e della camminata

La posizione eretta e la camminata leggera portano con sé dei benefici effettivi. Uno studio condotto su 64 adulti di mezza età (40-65 anni) con sindrome metabolica ha dimostrato che stare in piedi migliora la sensibilità all’insulina. In posizione eretta, infatti, la contrazione muscolare richiesta aumenta l’assorbimento di glucosio e di conseguenza la sensibilità all’insulina. Ciò avviene in particolar modo negli individui con problemi di obesità.

Poiché ogni ora in più su una sedia accresce la probabilità di giungere al diabete di tipo 2 o a una sindrome metabolica, la ricerca incoraggia soprattutto queste persone a svolgere tale attività. Sostituendo la seduta con lo stare in piedi o interrompendo il riposo alzandosi ogni tanto si migliora il metabolismo e il trasporto di glucosio. Per le persone in forma, sostituire la seduta con la posizione in piedi non influenza l’azione dell’insulina, ma diminuisce il rischio di malattie cardiovascolari.

Se qualche ora senza una sedia porta già a dei vantaggi, immaginate cosa può fare una semplice camminata libera. Una ricerca analizza proprio i benefici derivanti da questo movimento sottoponendo 24 persone in sovrappeso a due regimi di attività per 4 giorni ciascuno:

Regime 1 – 13.5 ore seduti, 1.4 ore in piedi, 0.7 ore camminando

Regime 2 – 7.6 ore seduti, 4.0 ore in piedi, 4.3 ore camminando

I risultati mostrano che la camminata migliora molti fattori di rischio cardio-metabolici e l’umore nei soggetti adulti in sovrappeso. Nello specifico diminuisce i trigliceridi, il colesterolo e l’apolipoproteina B, abbassa la pressione diastolica, migliora la sensibilità all’insulina e innalza l’umore.

Come far lavorare i muscoli anche mentre si è seduti

La posizione eretta e la camminata portano indubbiamente a dei benefici, ma talvolta è necessario anche riposarsi.

Nei paesi sviluppati le persone trascorrono circa nove ore al giorno sedute. Potrebbero sembrare tante, ma in realtà uno studio ha dimostrato che il problema non è il tanto il numero di ore al girono che trascorriamo seduti a causare problemi alla salute, bensì la posizione spesso errata in cui trascorriamo queste ore.

Lo studio in questione dimostra che gli Hadza, una popolazione di cacciatori-agricoltori della Tanzania, non possiedono i marcatori di malattie associate all’inattività degli individui facenti parte delle società più industrializzate, sebbene rimangano a riposo per lo stesso lasso di tempo.

La differenza risiede nel modo in cui gli Hadza riposano, ovvero accovacciati o in ginocchio. Queste posizioni, infatti, richiedono livelli leggeri di attività muscolare e quindi di “carburante” prodotto dai grassi che bruciano. La postura su una sedia, al contrario, non coinvolge alti livelli di contrazione muscolare degli arti inferiori. Accovacciarsi e inginocchiarsi perciò sono importanti posizioni di riposo, perché riducono gli effetti dannosi del comportamento sedentario.

Tuttavia, nel caso in cui queste posizioni risultino particolarmente scomode, è possibile mantenere in attività i muscoli delle gambe anche stando normalmente seduti, attraverso il movimento alternato degli arti inferiori. Seconda una ricerca, questo tipo di esercizio aumenta il consumo di ossigeno e il flusso sanguigno e riduce i livelli di glucosio e di insulina.

 

In conclusione, possiamo sostenere che:
Camminare o anche solo stare in piedi è più salutare che stare seduti. Tuttavia, è possibile mantenere in attività i muscoli degli arti inferiori anche quando si è a riposo o muovendo le gambe o stando in ginocchio o in squat.

 

Se vuoi conoscere lo stile di vita dei tuoi dipendenti o collaboratori, al fine di promuovere delle azioni correttive che ne aumentino il livello di benessere, contattaci. Neocogita offre un percorso di Lifestyle Assessment adatto a questo scopo!

Articoli consigliati

Nell’ambito delle nostre vite sempre più impegnate e con richieste elevate di performance in ogni settore, risulta essenziale capire come i ritmi biologici influenzino le nostre capacità cognitive. Un recente studio condotto da Pablo Valdez, ricercatore presso il laboratorio di psicofisiologia dell’Università di Monterrey (Messico), evidenzia l’importanza dell’interazione tra i ritmi circadiani e l’attenzione, un […]

Il benessere in azienda Nel mondo del benessere aziendale, la promozione di uno stile di vita sano tra i dipendenti è cruciale per migliorare non solo la loro salute fisica, ma anche la produttività e la soddisfazione lavorativa. Un elemento fondamentale in questo contesto è l’incoraggiamento all’attività fisica regolare. Tuttavia, con la proliferazione di dispositivi […]

L’importanza dell’attività fisica per la nostra salute e per il benessere nel luogo di lavoro è ormai indiscussa. Tuttavia, nella frenesia delle nostre giornate lavorative, spesso ci troviamo a rimandare l’allenamento a un “domani” che fatica ad arrivare. E se fosse possibile ottenere benefici significativi per la salute cardiovascolare in meno di un minuto? Questo […]

Vuoi ottenere maggiori informazioni sulla tecnologia TOI™ e sulle possibilità di implementazione in servizi di terze parti?