Due ore a settimana all’aria aperta: la dose perfetta per la salute e il benessere

Uno studio dell’Università di Exeter, pubblicato su Scientific Reports, svela che trascorrere almeno 120 minuti a settimana in natura contribuisce significativamente a migliorare la salute fisica e il benessere psicologico. Questa ricerca, che ha coinvolto quasi 20.000 persone in Inghilterra, dimostra che non importa se questo tempo viene speso in un’unica visita o distribuito in più uscite brevi; ciò che conta è raggiungere l’obiettivo delle due ore settimanali.

Un beneficio a livello universale

Il fascino di questa scoperta risiede nella sua universalità: il beneficio di 120 minuti a settimana all’aperto è evidente per uomini e donne, adulti più giovani e più anziani, persone di diverse occupazioni e gruppi etnici, residenti sia in aree ricche che povere e anche tra individui affetti da malattie croniche o disabilità.

Il Dott. Mat White, a capo della ricerca, ha evidenziato come fino ad ora non fosse chiaro quanto tempo trascorso nella natura fosse effettivamente benefico. La maggior parte delle uscite in natura osservate nello studio si è svolta a meno di due miglia da casa (circa 3 chilometri), suggerendo che anche i piccoli spazi verdi urbani possono avere un impatto positivo. Le due ore settimanali, dunque, emergono come un target realistico e vantaggioso per molti, capace di essere distribuito lungo l’arco dell’intera settimana.

La ricerca si basa sui dati del Monitor of Engagement with the Natural Environment Survey di Natural England, il più vasto studio al mondo che raccoglie dati sul contatto settimanale delle persone con il mondo naturale. La coerenza dei risultati tra i vari gruppi demografici supporta l’idea che trascorrere tempo in natura sia un pilastro fondamentale per la salute e il benessere, paragonabile alle linee guida sull’attività fisica settimanale.

 

Conclusioni

Il Prof. Terry Hartig, coautore dello studio, sottolinea diverse ragioni per cui il tempo trascorso in natura può essere vantaggioso, inclusa la riduzione dello stress e la possibilità di godere di momenti di qualità con amici e familiari. Questi risultati offrono un supporto prezioso al personale sanitario nel raccomandare uscite all’aria aperta come promozione della salute e del benessere.

In un mondo sempre più urbanizzato, la ricerca dell’Università di Exeter serve come promemoria dell’importanza vitale degli spazi verdi e della natura per il nostro benessere complessivo. Conferma inoltre l’urgenza di politiche che incoraggino l’accesso e la fruizione degli spazi naturali come componente essenziale della salute pubblica.

Articoli consigliati

Nell’ambito delle nostre vite sempre più impegnate e con richieste elevate di performance in ogni settore, risulta essenziale capire come i ritmi biologici influenzino le nostre capacità cognitive. Un recente studio condotto da Pablo Valdez, ricercatore presso il laboratorio di psicofisiologia dell’Università di Monterrey (Messico), evidenzia l’importanza dell’interazione tra i ritmi circadiani e l’attenzione, un […]

Il benessere in azienda Nel mondo del benessere aziendale, la promozione di uno stile di vita sano tra i dipendenti è cruciale per migliorare non solo la loro salute fisica, ma anche la produttività e la soddisfazione lavorativa. Un elemento fondamentale in questo contesto è l’incoraggiamento all’attività fisica regolare. Tuttavia, con la proliferazione di dispositivi […]

L’importanza dell’attività fisica per la nostra salute e per il benessere nel luogo di lavoro è ormai indiscussa. Tuttavia, nella frenesia delle nostre giornate lavorative, spesso ci troviamo a rimandare l’allenamento a un “domani” che fatica ad arrivare. E se fosse possibile ottenere benefici significativi per la salute cardiovascolare in meno di un minuto? Questo […]

Vuoi ottenere maggiori informazioni sulla tecnologia TOI™ e sulle possibilità di implementazione in servizi di terze parti?