Il sorriso che ti cambia il cervello

Un sorriso non solo ti fa sentire più piacevole, ma ti rende più in salute. Non male per una cosa così semplice!

 

Ci sarà anche chi non vuole sorridere per non farsi venire le rughe (probabilmente avete già letto questa storia), ma la ricerca scientifica ha dimostrato in quanti modi il sorriso sia benefico per il tuo benessere e per la tua carriera.

Sappiamo da tempo che un sorriso può migliorare il nostro umore (su Scientific American era uscito questo articolo già nel 2009), e ridurre lo stress. E la cosa funziona anche per i sorrisi “finti”: sforzati a sorridere e avrai gli stessi benefici.

 

Come per qualsiasi cosa tu faccia, anche quando sorridi il cervello è consapevole dell’attività e ne tiene traccia. Più sorridi, più sarai in grado di interrompere la tendenza naturale del cervello a pensare negativamente. Sorridendo, puoi far ristrutturare il cervello a creare schemi positivi più spesso di quelli negativi.

 

La felicità, quindi, può essere paragonabile a uno sport: dobbiamo allenare il nostro cervello a pensare positivamente e a essere felice. Più ci alleniamo, più sarà semplice bloccare la negatività, pensare positivo e quindi dare una spinta alla produttività e alla creatività, che ci permetterà di avere risultati migliori nel lavoro e nella nostra vita.

 

Oltre agli effetti sul nostro stato mentale, sorridere può avere degli effetti anche sulla nostra biologia. Lasciando andare la tensione (che avviene in modo naturale quando sorridiamo), anche le cellule del nostro corpo diventano meno rigide. La biologa Sondra Barrett sostiene in una sua ricerca che questo “rilassamento” può salvarci la vita: pazienti malati di cancro hanno visto un recesso della malattia semplicemente eliminando un importante fattore che causava loro stress.

Le nostre cellule, afferma la Barrett, sono più di un fortuito insieme di elementi, ma sono una “comunità di miliardi e miliardi di entità che collaborano per creare un rifugio per l’animo umano”.

Da un punto di vista scientifico, quindi, sorridere di più fa bene: non costa nulla e puoi anche far finta di essere felice e ottenere gli stessi benefici. La tua carriera riceverà una spinta di produttività e avrai una capacità attentiva e abilità cognitive migliori, oltre a sentirti più competente in qualsiasi situazione.

Con una prospettiva così, non vorresti sorridere un po’ di più?

 

Articoli consigliati

In un mondo che ha visto i contorni delle interazioni umane ridisegnati dalla pandemia di COVID-19, abbiamo sperimentato un passaggio, spesso brusco, dagli incontri in presenza alla convenienza, ma anche alla distanza, delle comunicazioni virtuali. Queste nuove abitudini ci portano a interrogarci: esiste una differenza tangibile tra la comunicazione faccia a faccia e quella mediata […]

Una caratteristica della nostra società è la celebrazione del “fare più cose contemporaneamente”, in cui il multitasking è stato spesso esaltato come una strategia vincente per massimizzare il tempo e la produttività. Nel lavoro, e persino durante il tempo libero, sembra che la capacità di gestire più compiti contemporaneamente rappresenti un segnale di efficacia e […]

Quando si discute di stress lavorativo, uno degli argomenti più comuni è il burnout. Ancora più comune è l’errore di associarlo esclusivamente a un carico di lavoro eccessivo o a pressioni insostenibili. In realtà, il burnout è una sindrome complessa, le cui cause possono variare ampiamente e non sono limitate alla sola mole di lavoro. […]

Vuoi ottenere maggiori informazioni sulla tecnologia TOI™ e sulle possibilità di implementazione in servizi di terze parti?