Sfatiamo un mito: usiamo solo il 10% del nostro cervello

È forse il mito sul cervello più diffuso, pretesto per numerosi film di fantascienza, ma qual è la verità?

 

MITO

Utilizziamo solo il 10% del nostro cervello.

 

LA REALTÀ

Le recenti tecniche di neuroimmagine hanno distrutto questa falsità. Il nostro cervello potrà anche non essere attivo tutto in una volta, ma la risonanza magnetica funzionale (fMRI, da functional magnetic resonance images) ha mostrato che diverse aree del cervello lavorano per un qualsiasi compito, a seconda di quali funzioni richiediamo al nostro cervello. Praticamente siamo in grado di utilizzare il cervello nella sua totalità.

Supponiamo, ad esempio, che stiate mangiando qualcosa mentre leggete questo articolo. Il lobo parietale vi permette di godere del vostro spuntino, mentre il lobo occipitale elabora le parole che leggete. Allo stesso tempo, il lobo temporale vi aiuta a elaborare i suoni che sentite, come il cibo croccante mentre masticate, e il cervelletto a tenere il sandwich o la forchetta in mano, oltre a mantenere la vostra posizione e l’equilibrio. E non dimentichiamo che contemporaneamente state respirando, digerendo il vostro spuntino, il sangue circola nel vostro corpo grazie al tronco encefalico. Inoltre, l’ippocampo vi aiuterà a ricordare quello che state leggendo, e vi permetterà quindi di capire che questo lungo esempio serve a dimostrare che davvero utilizzate molto più del 10% del vostro cervello!

Articoli consigliati

  L’invecchiamento è un processo che tutti affrontiamo, ma il modo in cui si invecchia può variare notevolmente da persona a persona. Anche se il tempo avanza inesorabilmente, infatti, esistono strategie per influenzare positivamente la resilienza del nostro corpo e della nostra mente. In questa sezione esploreremo come possiamo gestire gli effetti del tempo sul nostro […]

L’insonnia è un comune disturbo del sonno caratterizzato da difficoltà nell’iniziare o mantenere il sonno o da risvegli precoci che ha un impatto significativo sulla qualità della vita e aumenta il rischio di malattie croniche come malattie cardiovascolari, ipertensione e diabete. Sebbene le terapie convenzionali come la terapia cognitivo-comportamentale e i farmaci ipnotici sedativi siano […]

L’interazione complessa tra le nostre esperienze psicologiche e la salute fisica ha da sempre interessato scienziati e professionisti del settore medico. Una recente ricerca condotta dal University College London (UCL) ha illuminato questa relazione, concentrandosi in particolare su come lo stress (soprattutto gli stressor cronici come le difficoltà finanziarie) incida sui nostri sistemi biologici. Questo […]

Vuoi ottenere maggiori informazioni sulla tecnologia TOI™ e sulle possibilità di implementazione in servizi di terze parti?