Sfatiamo un mito: usiamo solo il 10% del nostro cervello

È forse il mito sul cervello più diffuso, pretesto per numerosi film di fantascienza, ma qual è la verità?

 

MITO

Utilizziamo solo il 10% del nostro cervello.

 

LA REALTÀ

Le recenti tecniche di neuroimmagine hanno distrutto questa falsità. Il nostro cervello potrà anche non essere attivo tutto in una volta, ma la risonanza magnetica funzionale (fMRI, da functional magnetic resonance images) ha mostrato che diverse aree del cervello lavorano per un qualsiasi compito, a seconda di quali funzioni richiediamo al nostro cervello. Praticamente siamo in grado di utilizzare il cervello nella sua totalità.

Supponiamo, ad esempio, che stiate mangiando qualcosa mentre leggete questo articolo. Il lobo parietale vi permette di godere del vostro spuntino, mentre il lobo occipitale elabora le parole che leggete. Allo stesso tempo, il lobo temporale vi aiuta a elaborare i suoni che sentite, come il cibo croccante mentre masticate, e il cervelletto a tenere il sandwich o la forchetta in mano, oltre a mantenere la vostra posizione e l’equilibrio. E non dimentichiamo che contemporaneamente state respirando, digerendo il vostro spuntino, il sangue circola nel vostro corpo grazie al tronco encefalico. Inoltre, l’ippocampo vi aiuterà a ricordare quello che state leggendo, e vi permetterà quindi di capire che questo lungo esempio serve a dimostrare che davvero utilizzate molto più del 10% del vostro cervello!

Articoli consigliati

Molto tempo è passato da quando Seneca difendeva l’importanza dell’otium, del non impegnarsi in azioni prive di utilità e valore. Egli non elogiava infatti l’ozio come è comunemente inteso nel contesto contemporaneo, bensì l’avvicinarsi a sé stessi, per cercare la propria verità e serenità. Questa non è l’introduzione ad un trattato filosofico, bensì alla presentazione […]

Disturbi mentali: un’analisi su scala globale offre una panoramica chiara e dettagliata che si pone al centro del dibattito scientifico e sociale. Un quadro critico sul quale è necessario porre la nostra attenzione, ma che può aiutarci a trasformare la nostra comprensione e il nostro approccio a questo delicato argomento.   L’insorgenza precoce dei disturbi […]

  Se ti sei mai chiesto perché alcune persone sembrino molto più giovani di altre pur avendo la stessa età, la risposta è semplice. L’età alla quale siamo soliti riferirci, ovvero quella anagrafica, non è adeguata né sufficiente per fare questo tipo di confronto. Infatti, se quest’ultima rappresenta semplicemente il numero di anni che una […]

Vuoi ottenere maggiori informazioni sulla tecnologia TOI™ e sulle possibilità di implementazione in servizi di terze parti?