Come potenziare il benessere dei lavoratori attraverso le neurotecnologie

Le neurotecnologie offrono un’ampia gamma di opportunità per migliorare il benessere dei lavoratori attraverso l’ottimizzazione delle prestazioni cognitive, il rilassamento e la gestione dello stress. Neocogita offre da sempre alle aziende la possibilità di avvalersi di alcuni tipi di neurotecnologie per migliorare le prestazioni e il benessere dei propri collaboratori, favorendo il monitoraggio dello stress e del benessere mentale, l’allenamento della mente e il miglioramento delle prestazioni cognitive.

Recentemente è stato pubblicato sulla rivista “DIID – disegno industriale – industrial design” un articolo scientifico che dimostra l’efficacia delle neurotecnologie offerte da Neocogita, e ne convalida i protocolli utilizzati. Nello specifico, vengono presi in esame tre protocolli basati sulle neurotecnologie: il Lifestyle Assessment Lab, il Mindfulness Lab e Cognitive Training Lab.

Lifestyle Assessment Lab

Il Laboratorio di valutazione dello stile di vita ha utilizzato un sensore ECG indossabile per misurare la frequenza cardiaca e la Variabilità del battito cardiaco  (Heart Rate Variability, HRV) per un periodo di 24 ore e per una durata totale di 72 ore (2 giorni lavorativi e 1 giorno libero). Grazie a tale sensore è stata tracciata una serie di parametri fisiologici:

  1. Eventi stressanti,
  2. Quantità e qualità del recupero durante il giorno e la notte,
  3. L’attività fisica e i suoi effetti sul miglioramento della salute.

Utilizzando i sensori biofeedback, 18 manager di una compagnia assicurativa multinazionale sono stati in grado di valutare la qualità del loro stile di vita correlando quest’ultima al benessere e alla performance lavorativa. È stato osservato che dopo 8 settimane di training mindfulness, i partecipanti hanno mostrato miglioramenti notevoli in termini di durata e qualità del sonno, riduzione dello stress e incremento del tempo di recupero, sia durante il lavoro che nel tempo libero. Tra i risultati, di grande rilevanza è stato il tempo di recupero durante il tempo libero, migliorato del 35% e il tempo di recupero durante il lavoro, aumentato del 23%. Inoltre, il livello di stress durante il giorno è diminuito del 12%, con un punteggio di benessere generale aumentato del 7%.

Mindfulness Lab

Il Lab di Mindfulness, attraverso un addestramento esperienziale su una piattaforma digitale e sessioni di coaching di gruppo, mirava a migliorare la performance lavorativa riducendo stress e ansia. Il training consisteva in sessioni guidate di meditazione della durata di 20 minuti ciascuna per almeno 5 giorni alla settimana e comprendeva:

  1. Rilassamento,
  2. Mindfulness del respiro su tutto il corpo,
  3. Mindfulness del respiro sull’addome,
  4. Mindfulness del respiro sulle narici,
  5. Creatività,
  6. Open monitoring.

A queste sessioni sono stati poi affiancati 5 incontri di gruppo condotti da esperti di Mindfulness Based Stress Reduction (MBSR).
I risultati di questo training sono stati misurati con delle rilevazioni pre e post intervento con dei questionari volti a valutare la presenza mentale, l’ansia, lo stress e l’empatia. I risultati hanno mostrato riduzioni significative dell’ansia e dello stress, rispettivamente diminuiti dell’8% e del 13%, e un aumento della presenza mentale (6%), dell’empatia (5%) e della resilienza (5%).

Cognitive Training Lab

Questo intervento aveva come obiettivo il potenziamento della performance lavorativa attraverso l’esercizio delle funzioni esecutive per un periodo di 4 settimane, utilizzando esercizi computerizzati svolti per 20 minuti, 5 volte a settimana, e integrati da sessioni di coaching di gruppo.
Lo studio mira a sviluppare la “grit”, ovvero la capacità di concentrarsi sugli obiettivi, ignorare le distrazioni e organizzare il proprio tempo e per farlo sono stati utilizzati 2 test cognitivi:

  1. N-Back,
  2. Go-No-Go.

L’efficacia dell’intervento è stata verificata confrontando le prestazioni pre e post intervento ai seguenti test di valutazione delle funzioni esecutive: 

  1. Working Memory Span,
  2. Test di Stroop,
  3. Torre di Londra,
  4. Test di reazione semplice.

I risultati, ottenuti da 27 dipendenti di una multinazionale, hanno dimostrato miglioramenti significativi, con la memoria di lavoro e il controllo cognitivo aumentati del 14% e la pianificazione  dell’11%, mentre il tempo di reazione e l’automaticità di risposta sono diminuiti, rispettivamente, del 4% e dell’11%. Questi miglioramenti evidenziano l’efficacia del training cognitivo nel potenziare le abilità mentali necessarie per l’eccellenza professionale.

Conclusioni

La società odierna ci impone condizioni di lavoro sempre più difficili per la nostra capacità di attenzione. Per alcune categorie lavorative, tra cui i manager, gli amministratori delegati, i leader, è ormai indispensabile avere sempre a disposizione dispositivi tecnologici come smartphone e PC a portata di mano. Ciò ha un impatto deleterio per la nostra capacità di attenzione, che viene compromessa dalla semplice ricezione di una notifica.
In questo contesto, il programma Brain Wellness di Neocogita si è rivelato essere estremamente utile per contrastare tale condizione, grazie all’uso di tecnologie avanzate e metodi basati sulla ricerca neuroscientifica. Questa integrazione ha portato infatti ad un miglioramento significativo della qualità della vita lavorativa, riducendo lo stress e potenziando le capacità cognitive.

Questi risultati sottolineano l’importanza di integrare pratiche di benessere e di sviluppo cognitivo nei programmi di formazione aziendale, al fine di promuovere un ambiente lavorativo più sano e produttivo.

 

Articoli consigliati

  L’invecchiamento è un processo che tutti affrontiamo, ma il modo in cui si invecchia può variare notevolmente da persona a persona. Anche se il tempo avanza inesorabilmente, infatti, esistono strategie per influenzare positivamente la resilienza del nostro corpo e della nostra mente. In questa sezione esploreremo come possiamo gestire gli effetti del tempo sul nostro […]

L’insonnia è un comune disturbo del sonno caratterizzato da difficoltà nell’iniziare o mantenere il sonno o da risvegli precoci che ha un impatto significativo sulla qualità della vita e aumenta il rischio di malattie croniche come malattie cardiovascolari, ipertensione e diabete. Sebbene le terapie convenzionali come la terapia cognitivo-comportamentale e i farmaci ipnotici sedativi siano […]

L’interazione complessa tra le nostre esperienze psicologiche e la salute fisica ha da sempre interessato scienziati e professionisti del settore medico. Una recente ricerca condotta dal University College London (UCL) ha illuminato questa relazione, concentrandosi in particolare su come lo stress (soprattutto gli stressor cronici come le difficoltà finanziarie) incida sui nostri sistemi biologici. Questo […]

Vuoi ottenere maggiori informazioni sulla tecnologia TOI™ e sulle possibilità di implementazione in servizi di terze parti?