Il fattore neurotrofico derivato dal cervello, o BDNF, è una proteina di fondamentale importanza per l’invecchiamento sano, il funzionamento cognitivo (memoria e apprendimento), il comportamento, il metabolismo e l’appetito. Il sito principale di produzione del BDNF è il cervello, ma è prodotto in misura minora anche in molti altri tessuti. Agisce sul sistema nervoso sia centrale che periferico, favorendo la crescita, la differenziazione la sopravvivenza di nuove cellule neuronali e delle sinapsi, cioè delle connessioni tra di esse. Il comportamento, lo stile di vita e diversi fattori ambientali influenzano l’espressione del BDNF, sia nel cervello che nei tessuti periferici. In generale, il BDNF è associato a una moltitudine di aspetti essenziali della salute umana. Vediamone alcuni insieme.

 

Il BDNF come mediatore degli effetti dell’esercizio fisico sul funzionamento cognitivo

È ampiamente dimostrato che l’esercizio fisico riduce l’incidenza delle malattie neurodegenerative e più in generale del declino cognitivo in generale. Uno dei meccanismi che rende possibili questi benefici è proprio l’innalzamento dei livelli di BDNF, che varia in base alla durata e all’intensità dell’esercizio. Per esempio, uno studio su giovani adulti in salute ha confrontato sei diverse combinazioni di intensità e durata, di cui le più intense si svolgevano al cicloergometro. In questo modo, hanno osservato che l’esercizio più lungo (40 minuti) e intenso aveva la maggiore probabilità di aumentare i livelli sanguigni di BDNF.

Effetti della dieta sul BDNF

Non solo l’esercizio fisico, ma anche la dieta può avere un’influenza notevole sui livelli di BDNF. Diversi studi hanno infatti dimostrato che esiste una connessione tra fattori nutrizionali e livelli di BDNF rilevati. Per esempio, la riduzione dell’apporto calorico e dei carboidrati può produrre grandi aumenti dei livelli di BDNF. Al contrario, un’assunzione elevata di zuccheri e grassi è associata a bassi livelli di BDNF. Rispetto alla relazione dieta-BDNF, è di particolare interesse è la scoperta che gli acidi grassi omega-3, presenti soprattutto negli oli vegetali e nel pesce, favoriscano il mantenimento dei livelli di BDNF, anche in seguito a una lesione cerebrale. Infine, anche la restrizione dietetica, sotto forma di apporto calorico giornaliero ridotto o digiuno intermittente – senza incorrere nella malnutrizione – è stata collegata a numerosi effetti benefici, tra cui l’aumento dei livelli di BDNF.

Il BDNF è influenzato dalla connessione mente-corpo

Lo yoga è una pratica antica che coinvolge la mente e il corpo attraverso pose fisiche, tecniche di respirazione e meditazione. Di recente, numerosi studi approfondito i benefici di questa pratica sulla salute sia salute mentale che fisica. In particolare, una ricerca condotta su un gruppo di meditatori esperti in ritiro per tre mesi di yoga e meditazione ha osservato un aumento del 300% dei livelli medi di BDNF tra i partecipanti, rispetto a quanto misurato nel sangue prima del ritiro.

È stato inoltre dimostrato che il brain trainingha un impatto significativo sui livelli di BDNF. Infatti, in uno studio su un campione di donne anziane sedentarie affette da decadimento cognitivo lieve, si è visto che coloro che avevano partecipato a diverse settimane di brain training (con focus su memoria di lavoro e abilità visuo-spaziali e di ragionamento) mostravano, oltre ai benefici del training, livelli aumentati di BDNF rispetto ai gruppi di controllo che avevano svolto altre attività. Infine, recenti lavori di sintesi quantitativa della letteratura hanno evidenziato come i livelli di BDNF siano costantemente più bassi in individui affetti da disturbi d’ansia, soprattutto per quanto riguarda il disturbo ossessivo-compulsivo, e in quelli affetti da depressione. Una nota positiva è che lo stesso studio mostra che i livelli di BDNF si innalzano significativamente in seguito a un trattamento antidepressivo.

 

Abbiamo quindi visto come I livelli di BDNF siano correlati alle condizioni di salute, sia che si parli di condizione fisica, di salute mentale o di efficienza cognitiva. Neocogita è da sempre attenta a tutte e tre queste componenti fondamentali del benessere, e può fornirti un programma di valutazione dello stile di vita (Lifestyle Assessment) tramite sensori indossabili e piattaforme di brain training, integrati in un piano di consulenza personalizzata.

Contattaci per maggiori informazioni!